LA ROBOTICA SALVERÀ L’ARTE (E IL TEATRO)? PASSAGGI TRA ARTE, ALGORITMI E INTELLIGENZE ARTIFICIALI

Un’incursione su quello che sta accadendo nell’ambito del Creative Robotics, della computer vision e della A.I. applicata all’arte.
Al Festival Ars Electronica il protagonista era lui, il robot industriale Kuka che ‘danzava’ sulle note della Berlioz Orchestra, a Pisa al Festival della Robotica l’installazione di Massimo Bergamasco e del suo staff del PerCro ha mostrato ‘lo sguardo del robot’, e altrettanto ha fatto live Trevor Paglen che ha sottoposto i musicisti Kronos Quartet alla ‘visione artificiale’.
Cosa ne sarà dell’Arte all’epoca del test di Turing?

 

Anna Maria Monteverdi

Esperta di Digital performance; ricercatore di Storia del Teatro al Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Università Statale di Milano, ha insegnato per 10 anni Digital video e Drammaturgia multimediale all’Accademia di Brera, Scuola di Nuove Tecnologie; ed inoltre all’Università di Pisa, al Dams di Bologna e di Imperia. Ha pubblicato tra gli altri: Il teatro di Robert Lepage (Bfs 2004), Le arti multimediali digitali (con A. Balzola, Garzanti 2004), Nuovi media Nuovo teatro (FrancoAngeli 2012), Rimediando il teatro con le macchine, con le ombre, con i new media (2014). Recentemente ha pubblicato Memoria maschera e macchina nel teatro di Robert Lepage (Meltemi) presentato in vari Festival e al Piccolo Teatro di Milano. È stata co-curatrice del progetto europeo IAM (International Augmented Med) su Nuove Tecnologie e Beni Culturali. Fa parte dell’International Federation of Theatre Research. È Program commitee di GARR per le tecnologie e la ricerca. Ha realizzato il documentario teatrale Teatri I Ri Ne Kosove (Nuovo Teatro in Kosovo) acquistato dalla Rai e proiettato al Piccolo di Milano come selezione speciale del Festival Invideo. Insegna Culture Digitali all’Accademia di belle Arti Alma Artis di Pisa.