Stazione metro C piazza Malatesta

Near Death nasce dai racconti di persone che si sono ritrovate prossime alla Near Death Experience (NDE) e sono tornate indietro. Near Death è un luogo, una zona di contatto tra la vita e la morte, uno spazio di passaggio, il punto in cui si può scegliere da che parte stare. A prescindere da quale scelta farai, la tua vita non sarà mai più la stessa. Near Death è un’installazione site specific che raccoglie le tracce riportate da chi ha attraversato momentaneamente la vita oltre quella che conosciamo, tentando di ricreare questo luogo indescrivibile attraverso la luce e il movimento, in relazione all’ambiente esterno. Sfidare la capacità del linguaggio di esprimere ciò che può soltanto essere vissuto, rompere lo schema dell’immaginario collettivo, riportare l’uomo al centro del proprio essere senza dogmi e paradigmi, solo nella bellezza assoluta.

Near Death è stata donata al quartiere dall’Associazione Culturale Luci Ombre, che realizza il festival RGB Light Experience.

Diego Labonia, in arte DieLab, è un light artist, ideatore e direttore artistico del Festival RGB Light Experience. La sua tecnica artistica, che ha come topic la luce nella sua forma installativa, è una commistione tra analogico e digitale: “l’espressione massima dell’ingegno umano quando viene applicata all’arte”. Nel 2009 fonda Luci Ombre, società che si occupa di ideare e realizzare eventi culturali con una forte impronta sulle nuove tecnologie e sul rispetto dell’ambiente. Nel 2014 realizza progetti di illuminazione urbana, tra cui Radiolaser, che ha illuminato il Capodanno ai Fori Imperiali. Le sue opere più celebri sono Specchio Riflesso, realizzato per RGB15, Ether’ò realizzata con Simone Palma, Arcobalenide realizzata per il Festival Fotonica.