Seleziona una pagina

RGB Light Experience, acronimo di Roma Glocal Brightness, è il primo festival urbano di installazioni luminose e videoinstallazioni di Roma.

Per tre giorni, dal tramonto a notte fonda, l’esperienza offerta da RGB permette al pubblico di immergersi in angoli nascosti e non convenzionali della città, creando un percorso artistico dedicato alla condivisione di esperienze e all’esplorazione del patrimonio materiale ed immateriale della periferia urbana.
Protagonista è la light art, una nuova corrente dell’arte urbana contemporanea legata alle arti visive e alle varie applicazioni della luce, grazie a cui la città diventa un museo a cielo aperto.

previous arrow
next arrow
Slider

RGB è concepito più come un’esperienza che come un evento tradizionale, obiettivo del festival è diffondere la cultura della light art, non solo per i suoi valori puramente estetici, ma soprattutto relazionali ed esperienzialiRGB propone dunque l’illuminazione artistica urbana come un linguaggio alternativo che possa aprire e favorire il confronto con l’altro.

La strategia relazionale di RGB si esprime anche nella capacità di unire cultura, arte, sociale ed economia grazie al partenariato e al sostegno di diverse altre realtà attive sul territorio. L’attivazione di tali relazioni mira a strutturare una nuova rete di attori che promuova una nuova offerta culturale che possa favorire la coesione sociale e la crescita territoriale.

Il festival si svolge nel triangolo di territorio che ha per vertici l’isola pedonale del Pigneto, l’Acquedotto Alessandrino di Parco Sangalli e piazza Malatesta, nella periferia est romana. Un percorso di circa quattro chilometri che si snoda lungo le vie storiche, le architetture e i paesaggi del quartiere. È il contesto urbano che meglio rappresenta il futuro della nostra società: un luogo cosmopolita fatto di convivenza tra etnie e mescolanza di realtà diverse, dove colori, usanze e costumi si intrecciano, influenzandosi vicendevolmente e creando, in modo inconsapevole, nuovi mondi.

Le installazioni site-specific, appositamente ideate dagli artisti per i luoghi che le ospitano, creano un forte connubio con l’ambiente: l’opera entra a far parte del quartiere ed il quartiere è partecipe all’opera, esaltandosi reciprocamente in un’innata simbiosi.

RGB è un’esperienza innovativa dello spazio urbano che permette di mostrare la città sotto una luce nuova e, al tempo stesso, un polo di interesse artistico e culturale in senso fortemente contemporaneo e d’avanguardia, capace di attrarre l’interesse un vasto pubblico di artisti e professionisti provenienti dal territorio nazionale e internazionale.

Il festival rappresenta dunque un’occasione di convergenza e un’esperienza glocal di valorizzazione del territorio: grazie alla capacità di coinvolgere la comunità locale e attrarre personalità e realtà creative attive a livello internazionale, crea un ambiente favorevole allo sviluppo di nuove reti di networking e contribuisce a generare nuove relazioni artistiche tra la città di Roma e il suo esterno.

Ogni edizione RGB propone una selezione di circa 25 opere artistiche proposte da artisti nazionali e internazionali, celebri ed emergenti, dedicando una sezione speciale ai giovani.

Inoltre, allo scopo di ampliare il coinvolgimento dei cittadini e creare momenti di formazione e studio, sono previste una serie di attività quali laboratori per bambini e workshop e incontri per adulti tenuti da artisti ed esperti del settore.

3
Edizioni

71
Opere di cui 29 produzioni RGB

92
Artisti da 10 paesi

24
Laboratori didattici, incontri e workshop

283
Proposte da 32 nazioni

28.000
Visitatori