29 novembre 2019

Carlo Infante – Walkabout “Sciame”

Partenza Metro C Pigneto

h 21:30

Urban Experience con la conduzione di Carlo Infante, in occasione dell’opening, esplorerà il festival con il format del walkabout-conversazione radionomade che partirà alle ore 21,30 dalla fermata Pigneto della MetroC (via del Pigneto 127). Un’esplorazione partecipata che con il titolo “Sciame” incontrerà i vari protagonisti delle installazioni e lightscapes.

Carlo Infante, si occupa delle nuove forme della comunicazione, a partire da quella teatrale, seguendo con attenzione progressiva gli scenari della trasformazione culturale scanditi dall’evoluzione tecnologica.  Dal 2009 ha promosso il cantiere di Urban Experience di cui è managing director, un ambito di progettazione culturale per giocare le città attraverso le pratiche creative del performing media.

30 novembre 2019

Marco Frascarolo – “La luce vista attraverso la storia dell’arte, del cinema e dell’architettura”

Sala Consiliare, piazza della Marranella 2

h 11:00 > 13:00  

Marco Frascarolo, ingegnere, lighting designer, Docente di illuminotecnica presso il dipartimento di Architettura di Roma Tre ed il Master in Lighting Design della Sapienza di Roma, coordina dal 2001 lo studio Fabertechnica di cui è fondatore. Tra i più importanti lavori si annovera il progetto per il nuovo impianto di illuminazione led della Cappella Sistina all’interno del consorzio LED4ART, il coordinamento del gruppo di lavoro del Master in Lighting Design, Università “La Sapienza”, per la stesura delle linee guida del nuovo impianto di illuminazione per il Colosseo (2015) ed il progetto per il nuovo impianto di illuminazione per la Basilica di San Francesco in Assisi. 

Light&Lightscapes – Incontro con gli artisti

Sala Consiliare, piazza della Marranella 2

h 16:00 > 18:00

Modera Gisella Gellini.

Intervengono Marco Brianza e gli artisti presenti nel programma (in via di definizione)

Gisella Gellini, è architetto e ricercatrice della cultura della luce, con particolare riferimento alla Light Art. Ha collaborato con il collezionista Giuseppe Panza di Biumo ed è curatrice presso musei e fondazioni italiane ed internazionali (Museo Berardo a Lisbona, Museo Archeologico di Francoforte, Fondazione Umberto Veronesi, Arezzo in Luce, ecc.) Dal 2009 cura la pubblicazione annuale del libro “Light Art in Italy” che raccoglie le principali installazioni temporanee di Light Art in Italia. Dal 2011 è docente del corso “Light Art e Design della Luce” presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano. Come esperta di Light Art scrive per riviste specializzate nel settore dell’illuminazione, collabora con l’Accademia di Belle Arti di Brera ed è relatrice in diversi seminari e workshop.

 1 dicembre 2019

Arte e tecnica nella scenografia urbana

Sala Consiliare, piazza della Marranella 2

h 11:00 > 13:00 

Modera Gisella Gellini

Intervengono: Diego Labonia, Sebastiano Romano, Leonardo Zaccone

Diego Labonia è un light artist, ideatore e direttore artistico del Festival RGB Light Experience. La sua tecnica artistica, che ha come topic la luce nella sua forma installativa, è una commistione tra analogico e digitale.

Sebastiano Romano, scenografo costumista, light artist, inizia il suo percorso collaborando sin dai primi anni ’80 con importanti registi e compagnie teatrali. Dal 2006 elabora una nuova esperienza artistica realizzando installazioni luminose negli spazi urbani e nei siti storici.

Leonardo Zaccone è tra i fondatori del collettivo Metadiapason insieme a Francesco Guarino e Stella Passerini sperimenta forme di arte partecipativa attraverso l’interazione digitale e sociale, indagando il rapporto tra tecnologia e umanesimo.

Fabrizio Crisafulli – Luogo, corpo, luce 

Sala Consiliare, piazza della Marranella 2

h 16:00 > 18:00  

Fabrizio Crisafulli, architetto di formazione, è regista teatrale e artista della luce, attivo internazionalmente. Ha elaborato nel corso di anni di ricerca una sua precisa teoria della luce scenica come elemento autonomo di costruzione poetica, che ha esposto in libri quali Luce attiva. Questioni della luce nel teatro contemporaneo (Titivillus, 2007) e La luce come pensiero (Editoria & Spettacolo, 2010). Nel 2015 la Roskilde Universitet (Danimarca) gli ha conferito la laurea ad honorem in Performance Design, in particolate per la sua ricerca sulla luce. Insegna al DAMS di RomaTre. Espone in questa occasione la sua idea della luce intesa non solo come immagine, ma anche come Tempo, discorso, drammaturgia, senso, azione”.