19 > 22 DICEMBRE 2020 // NATURARE

Parco Giordano Sangalli

Parco Giordano Sangalli

Parco Giordano Sangalli
Viale dell’Acquedotto Alessandrino

Il Parco Giordano Sangalli si trova in Viale dell’Acquedotto Alessandrino ed è uno dei tre parchi pubblici del quartiere di Tor Pignattara. L’area dell’Acquedotto fu interessata nel corso del ‘900 da fenomeni massicci di speculazione edilizia e di edilizia spontanea. Immigrati dal sud Italia ma anche sfollati del centro durante il periodo fascista costruiscono le loro case addossandole proprio all’Acquedotto. Una volta abbattute, hanno lasciato spazio all’attuale parco Sangalli.

SABATO 19 – DALLE H. 18:30
PARCO GIORDANO SANGALLI
Viale dell’Acquedotto Alessandrino

Lea Brugnoli e Anna Torazza; Luca Cataldo; Deltaprocess; Hinrich Gross; Collettivo L4R; Luca Mauceri + MediaMash Studio; Simone Palma e Raffaele Settembre; Quadro Quantico; Diego Repetto e Gianni Maroccolo; Daniele Spanò; Flavia Tritto; Olga Tuzova; Simona Verrusio.

DIRETTA STREAMING dalle ore 18:30 alle ore 21:00

Vimeo 
Facebook 
Youtube 

Area Parcheggio Pigneto-Pavoni

Area Parcheggio Pigneto-Pavoni

Area Parcheggio Pigneto-Pavoni
Incrocio via del Pigneto e via Lodovico Pavoni

L’area parcheggio Pigneto-Pavoni rappresenta quello che può accadere quando si costruisce senza nessuna progettazione urbanistica, ma lasciando semplicemente spazio al mero accostamento casuale di palazzi alti quattro volte le costruzioni già esistenti. La casualità ha dunque creato una bruttura: cinque muri ciechi fanno da scenario in questo incastro di colate di cemento, creando una “naturale” zona parcheggio.

DOMENICA 20 – DALLE H. 18:30
AREA PARCHEGGIO PAVONI-PIGNETO
Incrocio via del Pigneto e via Lodovico Pavoni

Lea Brugnoli e Anna Torazza; Luca Cataldo; Deltaprocess; Hinrich Gross; Collettivo L4R; Luca Mauceri + MediaMash Studio; Jeremy Oury; Simone Palma e Raffaele Settembre;  Quadro Quantico; Diego Repetto e Gianni Maroccolo; Collettivo I Light; Daniele Spanò; Lino Strangis,   Flavia Tritto; Olga Tuzova e Lorenzo Pagella; Simona Verrusio.

DIRETTA STREAMING  dalle ore 21:30 alle ore 22:00

Vimeo 
Facebook 
Youtube 

Sopraelevata Tangenziale Est

Sopraelevata Tangenziale Est

Sopraelevata Tangenziale Est
Via Prenestina altezza civico 52

È il tratto sopraelevato sulla via Prenestina della Tangenziale Est, una strada ad alto scorrimento progettata dall’architetto Kenzo Tange negli anni ‘60 ma già prevista dal piano regolatore del 1909, nata per unire la parte settentrionale e meridionale della città. La sopraelevata della tangenziale Est è stata una scelta azzardata, un’idea di inizio ‘900 che aveva tutte le possibilità di svilupparsi nel migliore dei modi ma che è finita per insinuarsi tra gli immobili costruiti dopo la speculazione edilizia del dopoguerra, creando così scenari urbani che sono sempre stati associati al degrado.

LUNEDÍ 21 – DALLE H. 18:30
SOPRAELEVATA TANGENZIALE EST
Via Prenestina altezza civico 52

Lea Brugnoli e Anna Torazza; Luca Cataldo; Hinrich Gross; Collettivo L4R; Luca Mauceri + MediaMash Studio; Simone Palma e Raffaele Settembre; Quadro Quantico; Diego Repetto e Gianni Maroccolo; Flavia Tritto; Olga Tuzova.

DIRETTA STREAMING dalle ore 18:30 alle ore 20:00

Vimeo 
Facebook 
Youtube 

Rampa Prenestina

Rampa Prenestina

Rampa Prenestina
Via Teano, altezza civico 223

Questa grande spirale a cielo aperto, una specie di piccolo Colosseo, oggi ricoperto di graffiti, è stata costruita come magazzino per scenografie e costumi del Teatro dellOpera. Cambiò in parte destinazione alla fine degli anni ‘60 e venne adattata a scuola. Negli anni ’70 una parte del complesso svolgeva la funzione residenziale, accogliendo famiglie di sfrattati. Come ultima tappa della sua storia ha ospitato le attività organizzate dallo Spazio Culturale Rampa Prenestina – laboratori di musica e di teatro, corsi di inclusione sociale e tanto altro.

 Al momento la parte circolare è abbandonata, sarebbe un sito perfetto per un Museo della Luce!

 

 

 

MARTEDÍ 22 – DALLE H. 18:30
RAMPA PRENESTINA
Via Teano altezza civico 223

Luca Cataldo; Deltaprocess; Hinrich Gross; Collettivo L4R; Luca Mauceri + MediaMash Studio; Simone Palma e Raffaele Settembre; Chiara Patriarca e Francesca Cecarini; Quadro Quantico; Diego Repetto e Gianni Maroccolo;  Flavia Tritto; Olga Tuzova e Lorenzo Pagella; Simona Verrusio

DIRETTA STREAMING dalle ore 18:30 alle ore 21:30

Vimeo 
Facebook 
Youtube

 20 > 30 DICEMBRE 2020 // LA NECESSITÁ DI MODIFICARE L’ESISTENTE

Naturare

Naturare

Incontro con gli artisti

Durante l’incontro si parlerà del concept NATURARE, scelto come titolo dell’edizione particolare di quest’anno, del diverso rapporto tra Uomo e Natura, che abbiamo visto accentuarsi nell’ultimo periodo, delle nuove modalità di creazione artistica, provocate dai cambiamenti in corso. Si affronterà il tema dell’organizzazione e della vita degli eventi culturali e di come gli artisti colgono le trasformazioni e le fanno diventare opere d’arte. 

INTERVENGONO:

Lino Strangis, Repetto e Gianni Maroccolo; Simona Verrusio; Chiara Patriarca e Francesca Cecarini; Deltaprocess; Hinrich Gross; Lea Brugnoli e Anna Torazza; Luca Cataldo; Luca Mauceri + MediaMash Studio; Quadro Quantico; Collettivo L4R; Daniele Spanò; Collettivo I Light; Flavia Tritto; Olga Tuzova e Lorenzo Pagella; Simone Palma e Raffaele Settembre; Jeremy Oury.

MODERATORE: Diego Labonia – direttore artistico RGB Light Experience

Ecco il link per seguire in diretta

https://us02web.zoom.us/j/86125038061?pwd=OHJJeEh6OWhJTkNwdGRxZ1lDRFZRQT09

DOMENICA 20 – H. 10:30>12:30 

“NATURARE”
Incontro con gli artisti

Intervengo gli artisti ospiti della V edizione di RGB.
Moderatore Diego Labonia.

Link Zoom per partecipare all’incontro

DIRETTA STREAMING
RGB Light Experience
Luci Ombre

Luce trasversale

Luce trasversale

Incontro

Il trend culturale cui stiamo assistendo è una nuova era di contaminazione dei contenitori culturali, quindi una progressione del pensiero sistemico che lega tra loro settori diversi. Uno dei più interessanti è la convergenza tra arte, scienza e tecnologia con esperienze personali ed opere che si possono realmente affermare oltre gli schemi convenzionali in cui siamo abituati a classificarli. Una tecnologia che si svincola dalle rigide leggi del profitto ed un’arte che dismette la sua proverbiale umiltà nei confronti della tecnologia e della scienza. Questa convergenza avviene sulla spinta di fenomeni fondamentali quali la necessità di dare una risposta sostenibile al degrado progressivo del pianeta; i grandi flussi migratori, protagonisti di contaminazioni culturali e le conseguenti urbanizzazioni massive; la stessa emergenza epidemica planetaria cui occorre dare una risposta sistemica e globale. Artisti e tecnologi si stanno finalmente fondendo in progetti cooperativi e formazioni ibride ricalcando il mito Leonardesco. Lo stesso principio di globalizzazione può essere rivisto come modelli diversi di creazione. Modelli in cui opere possono essere il frutto di una co-creazione collettiva e città intelligenti che diventano l’ambiente espositivo per eccellenza accogliendo nelle sue infrastrutture i principi creativi della estetica e della luce digitale. Una nuova luce radente e trasversale che sta smantellando le nostre barriere culturali per dare corpo a nuove idee forti e strutture capaci di cambiare la nostra evoluzione ed il nostro modo di vivere in una forma più sostenibile e creativa.

 

INTERVENGONO:

Mauro Annunziato – Direttore Divisione Smart Energy ENEA; Gisella Gellini – Architetta, ricercatrice della cultura della luce e docente al Politecnico di Milano corso “Light Art e Design della Luce”; Diego Labonia – Direttore artistico RGB Light Experience; Diego Repetto – Architetto e artista visivo; Isa Helena Tiburcio – Arch. PhD in design Politecnico di Milano e docente di Urban design Accademia di Belle Arti di Brera; Flavia Tritto – Artista visiva

Ecco il link per seguire in diretta

https://us02web.zoom.us/j/81383637971?pwd=Q043MmlaUTU2NmZJdFBKR1BsbWlzUT09

La biografia di Mauro Annunziato è la storia di un’esperienza ibrida tra arte e scienza lungo venti anni del pensiero olistico e sostenibile. Laureato in Ingegneria Nucleare, ma convertito ben presto allo sviluppo sostenibile, ha condotto ricerche sulla intelligenza e vita artificiale, la teoria del caos, le tecnologie energetiche. Dal 1986 in ENEA dove attualmente dirige la Divisione Smart Energy focalizzata sul tema delle Città e Comunità Intelligenti. E’ stato tra i fondatori e coordinatori del Joint Programme Europeo sulle Smart Cities, è membro del Governing Board del Joint Research Centre e coordinatore del Working Group ICT della Commissione Italia-USA sulle Tecnologie Emergenti. Autore di circa duecento pubblicazioni, diversi brevetti, circa 100 Invited Talk a conferenze nazionali ed internazionali.  In campo artistico, Annunziato fonda nel ’94 con Piero Pierucci il gruppo Plancton Art Studio impegnato sulla produzione di immagini digitali ed installazioni interattive al confine tra arte e scienza. Attivi nel mondo dell’arte digitale internazionale fondano l’approccio dell’ “Art of Emergence”. Le opere sono state esposte in molte mostre internazionali (Los Angeles, New Orleans, Washington, Monaco, Londra, Lima, Mosca, Roma, Torino, Venezia). Annunziato ha avuto diversi riconoscimenti tra cui la copertina della rivista internazionale di Arte-Scienza “Leonardo” (MIT Press) nel 2002, la menzione onoraria di Vida nel 2002. Un suo contributo sulla convergenza di arte e scienza è stato selezionato dalla NASA tra i 60 artisti-scienziati per la “prima biblioteca” del primo insediamento umano su Marte nel 2030.        (Mars Millennium Project: http://mmp.planetary.org/scien/annum/annum70.htm).

Gisella Gellini è architetta, ricercatrice della cultura della luce, ha collaborato con il collezionista Giuseppe Panza di Biumo. Curatrice di  mostre ed eventi in Italia e all’estero: 2008, Dan Flavin della Collezione Panza, Museo Berardo Lisbona ; Light Blade di Nicola Evangelisti a Villa Reale- Milano; 2010, collettiva  Luces – Light Art from Italy e 2012, JETZT Archäologische Schatten di Fabrizio Corneli, entrambe al Museo Archeologico di Francoforte; 2014, direzione artistica di Arezzo in Luce; 2014 e nel 2015  cura Light Art Ensemble e LUCE4GOOD – Light Art Ensemble, entrambe all’ex chiesa di San Carpoforo, Milano; 2016, Light in the Stone di Sebastiano Romano alla Rocca Albornoz di Spoleto. Dal 2017 al 2020, curatrice, della mostra itinerante Black Light Art, la luce che colora il buio, esposta a Palazzo Lombardia di Milano, alla Pinacoteca Civica di Como, alla Rocca Albornoz di Spoleto ed  attualmente a Casa Mantegna  per la Biennale della luce di Mantova. Dal 2009 cura la pubblicazione di  Light Art in Italy – Temporary Installations, che raccoglie le più significative installazioni temporanee di Light Art in Italia. Docente alla Scuola del Design del Politecnico di Milano  del corso Luce e Colore tra Arte Design, è relatrice in diversi seminari e workshop a livello internazionale.

Isa Helena Tibúrcio è architetta laureata presso la UFMG – Università Federale del Minas Gerais (Brasile, 1993), ha svolto il master in Architettura e Urbanismo (2000) presso la medesima università e il Dottorato di Ricerca in Design presso il Politecnico di Milano (2019). Lavora su progetti di architettura dal 1993 e dal 2000 come insegnante nel campo dell’architettura e urbanismo. Ha scritto alcuni articoli sui temi della Light Art, dello spazio urbano e della partecipazione, e ha collaborato con Artalkers, rivista online di interviste su temi artistici. Nel 2019 ha curato a Milano la mostra “Materialità Impalpabile” sulla Light Art e la mostra di installazioni artistiche e opere audiovisive “Assenze Presenti”, coinvolgendo artisti italiani e brasiliani. Attualmente insegna Urban Design all’Accademia di Belle Arti di Brera, a Milano.

 

LUNEDÍ 21 – H. 10:30>12:30

“LUCE TRASVERSALE”
Incontro                                                                                                                                                      

Intervengo Mauro Annunziato; Gisella Gellini; Diego Labonia; Diego Repetto; Isa Helena Tiburcio; Flavia Tritto

Link Zoom per partecipare all’incontro

DIRETTA STREAMING

RGB Light Experience 
Luci Ombre

Whisper talk. Sciame intelligente

Whisper talk. Sciame intelligente

Workshop

Si tratta di un laboratorio di creatività connettiva basato sull’utilizzo di un sistema whisper-radio, per conversare in un contesto immersivo e locale con le cuffie e diffuso (globalmente) in streaming nel web. Ciò accade mentre si esplora (senza andare lontano, camminando poco, a differenza del walkabout) e si elaborano informazioni-emozioni vissute nell’evento proiettivo da abitare, al RGB Light Experience. Durante il whisper-talk saranno coinvolti nel brainstorming radiofonico sia gli stakeholder e gli autori presenti sul campo sia quelli remoti, per focalizzare i vari aspetti delle sensibilità in gioco nella light experience.

A cura di Carlo Infante – Urban Experience.

 

Carlo Infante è changemaker, docente freelance di Performing Media, progettista culturale, fondatore di Urban Experience e scenarista per la resilienza futura. Ha diretto, negli anni Ottanta, festival come Scenari dell’Immateriale, ambito in cui s’è sviluppato il videoteatro e le prime sperimentazioni di performing media (nel 1987 il titolo dell’edizione fu “La Scena Interattiva”). Ha condotto (anche come autore) trasmissioni radiofoniche su Radio1 e Radio3, televisive come Mediamente.scuola su RAI3 e Salva con Nome su RAInews24 (nel 2009). Ha ideato (in occasione delle Olimpiadi Torino 2006) format web, come il geoblog (che permetteva di scrivere storie nelle geografie, prima di GoogleMaps), che esplicitano la tensione creativa di una Social Innovation agita nel territorio (come è accaduto con i Performing Media Lab in Salento per La Notte della Taranta, e in Piemonte all’interno di un Bene Confiscato alle Mafie di cui è stato titolare con l’associazione teatron.org). E’ autore, tra l’altro, di Educare on line (1997, Netbook), Imparare giocando (Bollati Boringhieri, 2000), Edutainment (Coop Italia, 2003), Performing Media. La nuova spettacolarità della comunicazione interattiva e mobile (Novecentolibri, 2004), Performing Media 1.1 Politica e poetica delle reti (Memori, 2006) e di molti altri saggi (+ di 80) e articoli (migliaia) per più testate (tra cui NOVA-Sole24ore, Tiscali e L’Unità, per cui ha curato l’inserto mensile UniTag, e attualmente La Nuova Ecologia, su cui ha una rubrica fissa). E’ tra i fondatori di Stati Generali dell’Innovazione (con cui nel 2012 si lancia il progetto Roma Smart City in cui si tratta di città resiliente) ne è stato componente del direttivo (come nei decenni precedenti lo era stato dell’Ass.Nazionale Critici di Teatro e della Consulta Nazionale del Video), fa parte del comitato scientifico di Symbola ed è docente di Tecnologie digitali e processi cognitivi alla Facoltà di Economia di Università Mercatorum. Ha curato per l‘Enciclopedia Italiana Treccani (Scienza e Tecnica- doppio volume su Informatica) il saggio Culture Digitali e diversi lemmi correlati. Ora cammina, conversa, sollecita sguardo partecipato, apprende dappertutto, con i walkabout, conversazioni peripatetiche con i piedi per terra e la testa nel cloud.

LUNEDÍ 21 – H. 20:00>22:00 

“WHISPER TALK”
Workshop a cura di Carlo Infante-Urban Experience

Conversazioni via radio da rilanciare in diretta streaming, per remixare la riflessione sulla Light Experience sia in presenza sia a distanza.

DIRETTA STREAMING

RGB Light Experience
Luci Ombre 

Riflessioni per un nuovo paesaggio urbano notturno

Riflessioni per un nuovo paesaggio urbano notturno

Incontro

I paesaggi della città contemporanea notturna sono in continua evoluzione sotto il profilo da una parte, delle attività umane individuali e di gruppo, che definirei  il profilo della richiesta, dall’altra delle tecnologie che la illuminano, sia in termini di caratteristiche della luce, che di caratteristiche dei sistemi che servono a fornire la luce, che definirei il profilo dell’offerta. 

Queste due anime sono sempre più scollegate e generano una sorta di schizzofrenia tra le istanze del rispetto delle normative, del risparmio energetico e del contenimento dei costi e le istanze del benessere psicofisico di chi abita la città. 

I festival di luce, sempre più frequenti in Italia e nel mondo talvolta assumono il ruolo di una medicina che tenta di sanare questa schizzofrenia almeno per qualche giorno: un ruolo importante per ricordare che la qualità della luce non è misurabile solo con dei numeri, ma anche con il livello di emozioni che riesce a suscitare, ma che deve stimolare un dibattito più ampio, che esca fuori dai suoi confini spazio-temporali.

INTERVENGONO:

Elettra Bordonaro – Co-fondatrice e direttrice creativa di Light Follows Behaviour; Stefano Catucci – Docente di Estetica presso la Facoltà di Architettura di Roma  La Sapienza; Marco Frascarolo – Lighting designer e docente di illuminotecnica presso il dipartimento di Architettura di Roma Tre; Diego Labonia – Direttore artistico RGB Light Experience; Federico Petrei – Vj motion designer Deltaprocess; Daniele Spanò – Artista visivo

Ecco il link per seguire in diretta

https://us02web.zoom.us/j/89447270487?pwd=MXZRNm1VUThEaVpVc1ovcFhRdXNhUT09

 

Elettra Bordonaro, co-fondatrice e direttrice creativa di Light Follows Behaviour, uno studio di illuminotecnica che ha l’obiettivo di progettare con le persone e per le persone. È anche co-fondatrice del Social Light Movement (SLM), nato con lo scopo portare illuminazione alle comunità meno ricche. Ha concentrato la sua attenzione sul design dell’illuminazione e partecipando ad iniziative di ricerca da oltre 15 anni. Oltre a fornire progetti di illuminazione per esterni e aree pubbliche nel Regno Unito e all’estero, Elettra si è concentrata sull’educazione al design e sulla promozione di iniziative di ricerca relative al design delle città dopo il tramonto. Ha tenuto corsi presso il Università di Roma, Milano e Torino ed è stata docente dal 2014 al 2018 presso il Rhode Island School of Art and Design (RISD) a Providence. Elettra è anche Visiting Fellow presso la London School of Economics Sociology e nell’ambito della ricerca “Configuring Light / Staging the Social”,  gruppo che lavora su vari progetti di ricerca che integrano la ricerca sociale in progettazione illuminotecnica. Il suo programma “Social Lightscapes Workshop”, in associazione con Confuguring Light, ha ricevuto una menzione d’onore al “Compasso d’Oro design awards”, nel 2020.

Marco Frascarolo, ingegnere, lighting designer, Docente di illuminotecnica presso il dipartimento di Architettura di Roma Tre ed il Master in Lighting Design della Sapienza di Roma, coordina dal 2001 lo studio Fabertechnica di cui è fondatore. Tra i più importanti lavori si annovera il progetto per il nuovo impianto di illuminazione led della Cappella Sistina all’interno del consorzio LED4ART, il coordinamento di Marco Frascarolo del gruppo di lavoro del Master in Lighting Design, Università “La Sapienza”, per la stesura delle linee guida del nuovo impianto di illuminazione per il Colosseo (2015) ed il progetto per il nuovo impianto di illuminazione per la Basilica di San Francesco in Assisi. Dal 2018 Marco Frascarolo segue come coordinatore il progetto “Giubileo della Luce” promosso da A.N.C.I. e dal Ministero dell’ambiente MATTM, che interessa 17 Comuni Italiani ed è stato recentemente esteso ad altri 33. L’idea fondande del progetto è di utilizzare la luce come volano per fare emergere e raccontare luoghi, per valorizzare il territorio e le sue molteplici risorse. Tra gli altri principali progetti: Casa Italia Pyeongchang, Casa Italia Rio de Janerio, LunerPark Villa Balbiano ad Ossuccio, Como. Facoltà di Architettura padiglioni 2b, 4 e 8 dell’ ex Mattatoio, Facoltà di Architettura Vasca Navale. Spazi espositivi del Complesso del Vittoriano. Basilica di S. Croce in Gerusalemme. Ninfeo monumentale di Villa Aldobrandini (Frascati). Esposizioni temporanee presso le Scuderie del Quirinale, Complesso del Vittoriano, Museo dell’Ara Pacis, Palazzo delle Arti di Napoli, Centre Pompidou.

 

 

MARTEDÍ 22 – H. 14:00>16:00

“RIFLESSIONI PER UN NUOVO PAESAGGIO URBANO NOTTURNO”                                               Incontro  

Intervengono Elettra Bordonaro; Stefano Catucci; Marco Frascarolo; Diego Labonia; Federico Petrei-DELTAPROCESS; Daniele Spanò

Link Zoom per partecipare all’incontro

DIRETTA STREAMING

RGB Light Experience
Luci Ombre

Luce e interattività: progettazione e physical computing

Luce e interattività: progettazione e physical computing

Workshop

Workshop intensivo di tre incontri rivolto a chi vuole approfondire il light design e l’arte digitale.

Lezione 1: Teoria dei processi interattivi

Lezione 2: Luci, sensori e arduino

Lezione 3: Luce, wereable e intelligenza artificiale

 

A cura di Leonardo Zaccone- FabLab Ostiense

 

 

Leonardo Zaccone è performer, sound & interaction designer, formatore da 0 a 99 anni, umanista digitale. Come artista concentra la sua ricerca sull’interazione come processo umano e tecnologico. Sulla stessa spinta, interessato ai processi sociali urbani, fonda il FabLab di Roma, oggi Spazio Chirale, luogo aperto di condivisione culturale tecnologica. Incontra persone ogni giorno. È grasso prima che grande. Cerca il silenzio come dono del suono.

LUNEDÍ 28 – H. 10:30>13:00

“LUCE E INTERATTIVITÀ: PROGETTAZIONE E PHYSICAL COMPUTING”
Lezione 1 di 3 – “Teoria dei processi interattivi”

A cura di Leonardo Zaccone – FabLab Ostiense

Link Zoom per partecipare al workshop

DIRETTA STREAMING

RGB Light Experience
Luci Ombre

Scratch. Videoarte per bambini

Scratch. Videoarte per bambini

Laboratorio didattico bambini

Utilizzando la piattaforma di programmazione a blocchi, realizzeremo un breve videomapping imparando a programmare.

 

A cura di Leonardo Zaccone- FabLab Ostiense

 

 

Leonardo Zaccone è performer, sound & interaction designer, formatore da 0 a 99 anni, umanista digitale. Come artista concentra la sua ricerca sull’interazione come processo umano e tecnologico. Sulla stessa spinta, interessato ai processi sociali urbani, fonda il FabLab di Roma, oggi Spazio Chirale, luogo aperto di condivisione culturale tecnologica. Incontra persone ogni giorno. È grasso prima che grande. Cerca il silenzio come dono del suono.

LUNEDÍ 28 – H. 15:00>17:30

“SCRATCH. VIDEOARTE PER BAMBINI”
Laboratorio didattico per bambini dai 7 ai 10 anni

A cura di Leonardo Zaccone – FabLab Ostiense

Per info e prenotazioni scrivi a info@rgblightfest.com

Link Zoom per partecipare al workshop

Luce e interattività: progettazione e physical computing

Luce e interattività: progettazione e physical computing

Workshop

Workshop intensivo di tre incontri rivolto a chi vuole approfondire il light design e l’arte digitale.

Lezione 1: Teoria dei processi interattivi

Lezione 2: Luci, sensori e arduino

Lezione 3: Luce, wereable e intelligenza artificiale

 

A cura di Leonardo Zaccone- FabLab Ostiense

 

 

Leonardo Zaccone è performer, sound & interaction designer, formatore da 0 a 99 anni, umanista digitale. Come artista concentra la sua ricerca sull’interazione come processo umano e tecnologico. Sulla stessa spinta, interessato ai processi sociali urbani, fonda il FabLab di Roma, oggi Spazio Chirale, luogo aperto di condivisione culturale tecnologica. Incontra persone ogni giorno. È grasso prima che grande. Cerca il silenzio come dono del suono.

MARTEDÍ 29 – H. 10:30>13:00

“LUCE E INTERATTIVITÀ: PROGETTAZIONE E PHYSICAL COMPUTING”
Lezione 2 di 3 – “Luce, sensori e arduino”

A cura di Leonardo Zaccone – FabLab Ostiense

Link Zoom per partecipare al workshop

DIRETTA STREAMING

RGB Light Experience 
Luci Ombre 

Scratch. Videoarte per bambini

Scratch. Videoarte per bambini

Laboratorio didattico bambini

Utilizzando la piattaforma di programmazione a blocchi, realizzeremo un breve videomapping imparando a programmare.

 

A cura di Leonardo Zaccone- FabLab Ostiense

 

 

Leonardo Zaccone è performer, sound & interaction designer, formatore da 0 a 99 anni, umanista digitale. Come artista concentra la sua ricerca sull’interazione come processo umano e tecnologico. Sulla stessa spinta, interessato ai processi sociali urbani, fonda il FabLab di Roma, oggi Spazio Chirale, luogo aperto di condivisione culturale tecnologica. Incontra persone ogni giorno. È grasso prima che grande. Cerca il silenzio come dono del suono.

MARTEDÍ 29 – H. 15:00>17:30

“SCRATCH. VIDEOARTE PER BAMBINI”
Laboratorio didattico per bambini dai 10 ai 13 anni

A cura di Leonardo Zaccone – FabLab Ostiense

Per info e prenotazioni scrivi a info@rgblightfest.com

Link Zoom per partecipare al workshop

Luce e interattività: progettazione e physical computing

Luce e interattività: progettazione e physical computing

Workshop

Workshop intensivo di tre incontri rivolto a chi vuole approfondire il light design e l’arte digitale.

Lezione 1: Teoria dei processi interattivi

Lezione 2: Luci, sensori e arduino

Lezione 3: Luce, wereable e intelligenza artificiale

 

A cura di Leonardo Zaccone- FabLab Ostiense

 

 

Leonardo Zaccone è performer, sound & interaction designer, formatore da 0 a 99 anni, umanista digitale. Come artista concentra la sua ricerca sull’interazione come processo umano e tecnologico. Sulla stessa spinta, interessato ai processi sociali urbani, fonda il FabLab di Roma, oggi Spazio Chirale, luogo aperto di condivisione culturale tecnologica. Incontra persone ogni giorno. È grasso prima che grande. Cerca il silenzio come dono del suono.

MERCOLEDÍ 30 – H. 10:30>13:00

“LUCE E INTERATTIVITÀ: PROGETTAZIONE E PHYSICAL COMPUTING”
Lezione 3 di 3 – “Luce, wearable e intelligenza artificiale”

A cura di Leonardo Zaccone – FabLab Ostiense

Link Zoom per partecipare al workshop

DIRETTA STREAMING

RGB Light Experience
Luci Ombre