Area pedonale Largo Perestrello – Roma.

Librio raffigura l’instabilità umana e la sua costante ricerca di equilibrio.
Il personaggio principale è un uomo continuamente impegnato nella sua ricerca di significato, senza retorica, senza peso specifico ne spasmi. L’opera invita a muoversi nella vita – rappresentata dal nastro che ondeggia al tocco dello spettatore in un movimento continuo – con la leggerezza di un equilibrista, cercando l’unico conforto possibile nella certezza di un incessante e permanente spostamento.