Via del Pigneto/via Marin Sanudo – marciapiede lato I.C. Alberto Manzi – Roma.

 

L’opera prende il nome dal fenomeno visivo chiamato “delle mosche volanti”: filamenti luminosi che possono rivelarsi alla vista nel momento di messa a fuoco delle prime sagome scorte durante il dormiveglia o fissando il cielo ad occhi chiusi in una giornata luminosa. Le forme fluorescenti e fluttuanti in plexiglass, posizionate tra i rami degli alberi, appaiono bianche di giorno per poi colorarsi di luce al calar della notte, creando un effetto magico fino ai primi bagliori dell’alba.